Emma dà il cinque al papa

Dammi cinque, Papa!

Incontrare il Papa metterebbe soggezione a chiunque. E’ successo lunedì in occasione della Partita Interreligiosa per la Pace organizzata dalla Fondazione PUPI.
Persino Cesare era intimidito, rispettoso delle regole e delle raccomandazioni, che ha puntualmente disatteso sia prima sia dopo l’udienza papale, ma quando si è trovato davanti a Papa Francesco è stato impeccabile, si è preso la sua carezza, ha fatto il carico di sorrisi e gli ha stretto la mano. Giulia, una signorina con il cuore che batteva forte, che non ha avuto il coraggio di avvicinarsi, le ha puntato gli occhi negli occhi e ha raccolto uno sguardo amorevole e colmo di messaggi che spero si porterà nel cuore per tanto tempo. Io ho saputo solo piangere e perdermi l’occasione di parlargli e di abbracciarlo come in molti hanno fatto. Io che la fede l’ho persa a vent’anni e che ogni volta che prova a bussare al mio cuore ci rinuncio per rabbia, ma che quando parla Francesco sento vibrare il cuore. C’è chi ci teneva al selfie, chi gli ha portato un omaggio, chi si è fatto benedire un rosario, io — a mente lucida — avrei solo voluto un abbraccio.

Incontrare il Papa metterebbe soggezione a chiunque, dicevo, ma non a Emma. Emma è a suo agio in qualsiasi situazione, Emma sa comunicare con tutti e nemmeno il suo linguaggio dispettoso glielo impedisce, Emma sa vivere qualsiasi esperienza qui e ora, Emma coglie l’attimo senza perdersi il meglio della vita. Prova a insegnarmelo da 9 anni e prima o poi lo imparerò anche io. C’è stato solo un attimo in cui era preoccupata, quando ha realizzato che il Papa era argentino, ma l’ho rassicurata che l’avrebbe capita anche se parlava in italiano ed è bastato a farla tornare serena.
Trovatasi di fronte a Papa Francesco lo ha guardato dal basso a distanza di sicurezza, le ha preso la mano solo quando lui l’ha allungata verso di lei e le ha baciato l’anello come se conoscesse la procedura alla perfezione, ma lui ha sciolto le formalità e le ha preso il viso fra le mani e l’ha guardata dritta negli occhi come pochi sanno fare, lei gli ha detto quello che aveva nel cuore e lui l’ha abbracciata stretta stretta. Noi tutti un passo indietro, come sempre, perché per tutti e quattro prima viene Emma, sempre. Dopo che anche noi lo abbiamo salutato e abbiamo fatto la foto di rito, per lei non era abbastanza, ha attirato di nuovo la sua attenzione e gli ha detto: “Ciao Papa!”, lui le ha regalato un sorriso spontaneo e le ha risposto: “Ciao bella!”, Emma non aspettava altro, non aspettava altro che capire che la tensione era sciolta, che poteva essere se stessa, che quello che era davanti a lei era un uomo buono, un uomo semplice, il Papa di tutti, il Papa che come prima parola ci ha riservato un “Buonasera”, che per lui le formalità non contavano davvero, che a lui quello che interessa è raggiungere il cuore delle persone. Così ha puntato di nuovo lo sguardo verso di lui, ha alzato la sua manina aperta e gli ha detto “dammi un cinque”, lui senza esitare un attimo ha aperto la sua mano per battere il cinque a Emma, ridendo di cuore. Paolo, che come Emma sa godersi sempre il presente, ha incrociato lo sguardo di Papa Francesco e Padre Georg, e per un attimo hanno riso insieme della spontaneità di Emma e di quel gesto informale, pieno di complicità e vicinanza. Solo allora Emma ha abbassato lo sguardo ed è andata al suo posto con un sorriso compiaciuto sulle labbra.
“Allargate il vostro cuore da fratello a fratello…” ci ha detto Papa Francesco alla fine del suo discorso, servirà molto di più, temo, perché possiamo davvero avere la Pace in questo mondo, ma cominciare a fare spazio dentro di noi è un buon inizio, quando siamo troppo ingombranti e pieni di noi stessi, delle nostre preoccupazioni e intenzioni fatichiamo a incontrare l’altro a guardarlo davvero negl’occhi, a vederlo, a capire ad ascoltare. Vale nel nostro quotidiano, vale negli incontri straordinari, vale nel dialogo tra le diverse religioni, vale nel mondo. A lezione da Emma e da Papa Francesco.

Emma e Papa Francesco

Emma e Papa Francesco
Foto di Fotografie Felici snc

Emma dà il cinque al Papa

Emma dà il cinque al Papa
Foto di Fotografia Felici snc

Partita per la pace Emma Papa Francesco

Paolo Papa Francesco e Padre Georg incrociano sguardi e sorrisi, mentre Emma se ne va compiaciuta
Foto di Fotografia Felici snc

Annunci