Posso vivere senza buoni propositi!

L’ultimo giorno dell’anno è un po’ come le ultime pagine di un libro. Se ti è piaciuto fai fatica ad arrivare alla fine, centellini le ultime frasi e le ultime parole e prolunghi il più possibile il distacco. Rimane sul comodino con tutte le pagine sottolineate e le orecchie segna-pagina, come ricordi da tenere vicino e riprendere al momento opportuno.
Se non ti è piaciuto non vedi l’ora di arrivare in fondo, di chiuderlo, archiviarlo in libreria, farlo sparire dalla circolazione e hai già la testa nel prossimo.

Con gli anni si fa un po’ lo stesso, e soprattutto l’ultimo giorno è momento di bilanci, ricordi, progetti e propositi. Si rileggono le parti sottolineate, si riguardano le foto dei momenti migliori, ci si chiude lo stomaco pensando ai momenti difficili o alla perdite, si fanno promesse, si progetta e programma un anno migliore.

L’anno scorso non mi ricordo cosa avevo scritto nella lista dei propositi, ma non credo che ci fossero in lista le cose che quest’anno sono state più significative.

Non avevo in lista un viaggio in Europa con la mia famiglia, sempre più unita.

Non avevo in lista di correre di meno, ma non ce l’ho fatta.

Non avevo in lista di rischiare di perdere un amico, e il fatto che non sia successo mi ha aperto la prospettiva sulle “seconde possibilità”.

Non avevo in lista di perdere un amico, ma credo nemmeno lui di lasciare una vita che amava.

Non avevo in lista di avere così paura di morire.

Non avevo in lista di incontrare Papa Francesco e nemmeno di ammutolire davanti a lui.

Non avevo in lista di adottare un altro gatto, in ogni caso è meglio che mi fermi.

Non avevo in lista di scrivere un libro, anche se lo sognavo da bambina, tutta colpa di Jo March.

Non avevo in lista di scriverne un altro insieme a due donne fantastiche, ma questa è una sorpresa.

Non avevo in lista di sentirmi più felice, non si programma.

Non avevo in lista di conoscere tante persone belle grazie a parole condivise, continuerò a farlo.

E allora se non avevo il lista tutto questo… farò tesoro dell’esperienza e rinuncerò a programmare il 2015 con planning, agenda, fogli excell, to do list o anche solo un elenco di buoni propositi da spuntare o tradire.

Lascerò scorrere la vita nelle mie vene, davanti ai miei occhi, sotto i miei piedi e guarderò avanti con immensa gratitudine e profonda meraviglia, in attesa di quello che il nuovo anno vuole offrirmi e mi arrenderò davanti a quello che vuole togliermi, e lo rispetterò.

Vivrò la vita che scorre con i miei meravigliosi figli e i compagni di viaggio che mi sono scelta. Mi arrabbierò e farò la pace, piangerò e gioirò, sarò felice e sarò triste, farò progetti e sarò pronta a riadattarli, mi stupirò, mi sorprenderò, mi sbaglierò e avrò ragione, mi ricrederò. Non mi guarderò troppo indietro e non guarderò nemmeno troppo avanti, vivrò un po’ di più qui, mi godrò la vita, assaporerò questa vita, che scorre e che scappa.

Ascolterò il suo ritmo senza smettere di chiedere di più e al contempo di essere felice di quello che ricevo.

Buon Anno a tutti!

Destinazione 2015. Grazie a Burabacio per il disegno.

Destinazione 2015. Grazie a Burabacio per il disegno.

Annunci

4 pensieri su “Posso vivere senza buoni propositi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...